La scienza ci spiega il perchè delle “gambe pesanti”

16 apr 2021

Nel mondo della corsa, spesso diamo la colpa a un accumulo di acido lattico quando i nostri muscoli sembrano volersi arrendere, o semplicemente diciamo che siamo a corto di energia, ma questi due fattori non sono responsabili al 100% della fatica muscolare. C'è ancora un pezzo mancante al puzzle, ed è la capacità dei nostri muscoli di rispondere ai segnali del cervello.

Il cervello dice ai muscoli di contrarsi inviando segnali lungo le cellule chiamate motoneuroni. Invece di toccare effettivamente il muscolo, c'è un piccolo spazio tra l'estremità del motoneurone e la cellula muscolare. Il motoneurone contiene un neurotrasmettitore su un lato della fessura chiamato acetilcolina, e sull'altro lato della fessura, la cellula muscolare è rivestita di ioni carichi - potassio all'interno e sodio all'esterno. Quando il cervello invia un segnale al motoneurone, viene rilasciata l'acetilcolina. Questo fa sì che i pori della cellula muscolare si aprano, permettendo al sodio di entrare e al potassio di uscire.

Il cambiamento crea un segnale elettrico chiamato potenziale d'azione che si diffonde attraverso l'intera cellula muscolare, facendole rilasciare il calcio immagazzinato al suo interno. Questo flusso di calcio è ciò che finalmente fa contrarre i muscoli. Per alimentare la contrazione, il muscolo usa una molecola chiamata ATP, che aiuta anche a ripristinare l'equilibrio di sodio e potassio una volta che la contrazione è finita. Ogni volta che si contraggono i muscoli, si consuma più ATP, si creano prodotti di scarto come l'acido lattico, e alcuni ioni di sodio e potassio vanno alla deriva. Questo lascia sempre meno ioni disponibili per ogni successiva contrazione muscolare.

Le cellule muscolari producono sempre più ATP, quindi anche quando sono molto, molto stanche, hanno ancora un po' di ATP in circolazione. Allo stesso modo, anche alla fine di una corsa molto lunga o dura, quando le gambe bruciano per l'acido lattico, i muscoli stanchi avranno ancora un pH entro limiti normali, il che significa che il  corpo sta ancora eliminando l'acido lattico, anche quando si è stanchi. Ma, quando i muscoli si contraggono più e più volte, alla fine si inizia a scarseggiare di ioni di potassio, sodio e calcio, che sono necessari per resettare correttamente il muscolo. Quando questo accade, anche se il cervello invia un segnale, il muscolo non può creare un potenziale d'azione per contrarsi. Questo è il motivo per cui molti corridori assumono una qualche forma di elettroliti durante una lunga corsa, soprattutto quando fa caldo e si perde molto sodio attraverso il sudore.

La buona notizia è che ci sono un sacco di ioni di sodio, potassio e calcio in altre aree del tuo corpo, e di solito tutto ciò di cui si ha bisogno è un breve riposo per permettergli di fluire verso le aree in cui sono necessari (in questo caso, i muscoli) per poter ripartire. Ancora meglio, continuando a correre regolarmente, ci vorrà sempre più tempo perché l'affaticamento muscolare si instauri, perché il cervello non deve avvertire i muscoli così spesso per ottenere la stessa forza di contrazione. Questo permette di lavorare alla stessa intensità (cioè, correre alla stessa velocità) per un tempo più lungo prima che la fatica si affermi. In altre parole, più si corre, più si migliora...ovviamente!